Bolla di cristallo - Emozioni

Vai ai contenuti

Menu principale:

Bolla di cristallo

BOLLE DI CRISTALLO

Mentre mi chinavo

il mio sguardo si fermò istintivamente

su una panchina

affiancata da un lampione, il tutto avvolto

da verdi colori.

Quell’immagine fungeva da musa ispiratrice

per la mia fantasia.

Scorgevo due corpi stretti, avvolti da quel calore

capace di riscaldare i cuori.

Tanto da fargli sudare lacrime di gioia,

capaci di far brillare gli occhi più di ogni stella.

Dove baci affrettati ornano di melodia

quelle anime,

interrotti solo da leggere carezze scambiate

fra sorrisi di timidezza.

Gesti e baci brevi scambiati goffamente per paura

di infrangere quella bolla di cristallo

che lascia vivere una favola nella piena quotidianità.

Tutto questo, mentre l’anima mia viaggiava,

fra l’inquietudine di quella favola vista

solo al di fuori di quella bolla di cristallo,

e la nostalgia di quei sogni adolescenziali

rimasti tali,

speronata dalla coscienziosità

che nulla potrà riportare quel tempo

capace di costruire quelle bolle di cristallo,

anche se un giorno i miei occhi brilleranno

più delle stelle.


Paolo Fior

 
Torna ai contenuti | Torna al menu